info@iscomgroup.it
+39 0514156040

BUY Emilia Romagna 2017

Previsioni di crescita per la destinazione Emilia Romagna nei mercati a lungo raggio e in europa, già a partire dal secondo semestre 2017

L’indicazione proviene da un panel qualificato, ovvero i 70 tour operator presenti alla XXII edizione del Buy Emilia Romagna, che si è tenuto nei giorni 4-8 aprile 2017.

Si tratta principalmente di buyer operanti su mercati a lungo raggio, come il Nord America, e da nuovi mercati emergenti ad alto potenziale, in particolare la Cina e il Medio Oriente. Proprio gli Emirati Arabi, il Bahrein, l’Oman, il Kuwait e l’Arabia Saudita partecipano per la prima volta al Buy Emilia Romagna, dopo che Emirates Airlines ha iniziato a volare sull’Aeroporto Marconi di Bologna. Complessivamente, il 90% dei T.O. accreditati partecipa al Buy  per la prima volta quest’anno. Gli altri operatori provengono da Regno Unito, Austria, Francia, Olanda, Germania, Svizzera, Romania, Russia, Italia, Spagna, Stati Uniti, e Colombia.

2017BER

Durante il workshop, Iscom Group ha curato una rilevazione, a cui hanno partecipato buyers di tutti i paesi presenti, con l’obiettivo di avere informazioni sulle aspettative di vendita delle destinazioni italiane e in particolare regionali, e sull’interesse dei mercati stranieri per l’offerta turistica regionale.

I tour operator ritengono che l’offerta turistica della regione, così varia (dalla costa al verde dell’Appennino, dalle città d’arte alla Motor Valley, dall’enogastronomia alla musica) sia molto adatta ai clienti (individuali o piccoli gruppi) che richiedono viaggi personalizzati con servizi di qualità (74%).

E l’enogastronomia può fare da filo conduttore degli itinerari (70%) dato che si combina facilmente con altri temi e passioni: arte e storia, musica e wellness, vacanza attiva e motori (Ferrari, Ducati, Maserati e Lamborghini).

Tra le 3 parole che vengono in mente pensando all’Emilia Romagna, al primo posto gli operatori hanno risposto “Cibo”, al secondo “Vino” e al terzo i “Motori”. E ancora Parmigiano Reggiano, città d’arte e Ferrari.

wordcloud

La facilità di collegamento, che consente di utilizzare l’Emilia Romagna come base di partenza per esplorare l’Italia, e la qualità della vita sono i due aspetti che gli operatori considerano  come plus in grado di differenziare un’esperienza turistica in regione.

Apprezzata da quasi il 60% la formula del BER che combina il momento commerciale della borsa turistica con 2 giornate di Educational Tour, cioè di itinerari organizzati per mostrare i prodotti e i servizi turistici della regione e dare così agli operatori stranieri ospiti spunti e idee per sviluppare nuove proposte di viaggio in Emilia Romagna per la loro clientela.

Share